BORNO - CROCE DI SALVEN - DOSSOLUNGO - VAL  CALA-PENDRIZZA -MALGA ZUMELLA - RIFUGIO SAN FERMO

SENTIERI: 101 - 100

DIFFICOLTA’
E – Escursionistica 
DISLIVELLO
m. 763
SVILUPPO
km. 10.6 A/R
TEMPO PERCORRENZA
andata 2:15H – ritorno 1:35H = 3:50H a/r
INTERESSI
Naturalistico, paesaggistico
CIASPOLE
Si, ma si consiglia vivamente di non attraversare la Val di Cala in caso di forti accumuli nevosi in quota, che possono innescare valanghe di notevoli dimensioni. 
18 salven dol zumella s fermo.jpg
MTB
No
PROFILO ALTIMETRICO
Caratteristiche

Itinerario in prevalenza su stradine con fondo naturale, mentre il tratto su sentiero è quello che presenta le pendenze più accentuate. Panorami sulla Presolana e sulla Corna di San Fermo. 

Descrizione

Il sentiero n° 101 inizia in località Croce di Salven a cinque chilometri da Borno, nei pressi del Parco delle Doline. Si posteggia sul lato destro della strada, dove le tabelle segnavia (sentiero n° 101), nei pressi di una fontanella, indicano l’inizio dell’itinerario. Seguire la stradina asfaltata che sale in moderata pendenza, costeggiando alcune cascine. Al primo bivio (tabella segnavia), proseguire diritti per circa cento metri, poi girare a destra (picchetto segnavia) su una stradina inizialmente ripida, ma che spiana presto e attraversa a mezza costa il bosco fino a raggiungere un dosso. Qui, prestando attenzione alla segnaletica, abbandonare la stradina, che inizia a scendere, e girare a sinistra (picchetto segnavia) per risalire, in forte pendenza, un lungo tratto di bosco chiamato Dossolungo. Il sentiero s’immette in una strada che attraversa in falsopiano la conca morenica della Val di Cala, sovrastata dagli speroni rocciosi della “Riasa”.Il percorso s’inoltra nuovamente nel bosco con il tratto iniziale abbastanza ripido, poi prosegue in leggera salita o pianeggiante fino a raggiungere uno slargo erboso denominato Pendrizza. Si continua in lieve pendenza fino a sboccare nel pascolo di malga Zumella. Si continua sul sentiero n° 100, per risalire il prato alle spalle della malga; si entra nel bosco che dopo alcuni tornanti lascia il posto al pascolo. In alto una grande croce di legno indirizza il cammino. Il tratto finale, con andamento zigzagante, sale alla malga di San Fermo e si collega con la stradina che porta al rifugio San Fermo, dove si può ammirare uno stupendo panorama di montagne e vallate alpine. Rientro alla Croce di Salven in ore 1,35 circa.